Nell’articolo di oggi ti spiegheremo come spiare un iPhone utilizzando un software di monitoraggio. Lo faremo dicendoti come procedere sia con, sia senza il jailbreak. Si tratta di una guida molto utile, soprattutto per una ragione: lo spionaggio di cellulari iOS è in realtà una cosa piuttosto recente.

All’inizio, infatti, gli unici programmi disponibili per lo “smartphone spying” erano compatibili solo con sistemi operativi Android e BlackBerry. Naturalmente, oggi non è affatto possibile fare a meno di un buon software anche su iOS. Eppure, rispetto agli altri sistemi operativi, questi tool per lo spying funzionano spesso in modo molto diverso. Ecco perché è necessario approfondire questo argomento così interessante.

Spiare un iPhone: il jailbreak è obbligatorio?

Partiamo da una importantissima premessa: per poter spiare un iPhone non è affatto necessario procedere con il jailbreak del dispositivo. Si tratta di una pratica che risulta essere obbligatoria con alcuni software, ma non con altri. Com’è ovvio che sia, cambiano radicalmente le procedure e il funzionamento di questi tool.

Per chiarirti meglio la questione, è possibile fare una netta distinzione fra queste due tipologie di software. Da un lato abbiamo quelli che richiedono la presenza di un device jailbroken, dall’altro i tools che invece non lo richiedono.

Nel primo caso si parla dei classici programmi che vanno installati fisicamente sullo smartphone da spiare: è possibile farlo solamente effettuando il jailbreak del dispositivo, dunque rimuovendo le restrizioni di sistema progettate dalla Apple.

Come potrai immaginare, non è un’operazione semplice: innanzitutto dovrai usare dei software appositi per il jailbreak, e poi questa pratica invalida la garanzia Apple Care dello smartphone. Ecco perché molti utenti cercano delle alternative a questo sistema, a dire il vero piuttosto invasivo e complicato.

Come spiare un iPhone con un software senza jailbreak

Esiste poi un secondo metodo che puoi usare per spiare un iPhone, senza però utilizzare i programmi che funzionano con il jailbreak. In questo caso si parla di software del tutto diversi. Ciò vuol dire che non richiedono né l’installazione fisica sui dispositivi da spiare, né la presenza di un sistema operativo jailbroken.

In sintesi, parliamo di prodotti che distano parecchio dai primi, e che si basano su un funzionamento molto diverso. Questo significa che ci sono degli altri elementi, prima assenti, da tenere in considerazione.

Nello specifico, per usare questi programmi dovrai conoscere sia l’ID Apple sia la password del device da spiare. Inoltre quel dispositivo dovrà avere la funzione di backup iCloud attiva. In assenza di questi tre elementi, non potrai spiare un iPhone senza il jailbreak.

I software di spionaggio iPhone senza jailbreak

Trattandosi di una soluzione relativamente nuova, sul mercato non si trovano poi così tanti software per lo spionaggio iOS senza jailbreak. Di contro, le società specializzate in questo campo stanno cominciando a produrre delle versioni di questa tipologia. Per farti un esempio, al momento è possibile utilizzare le versioni “no jailbreak” di software come mSpy o MobiStealth.

Si tratta di programmi a pagamento che, attualmente, rappresentano anche le opzioni migliori a tua disposizione. Per questo motivo, sarà il caso di approfondire entrambi i tools per spiegarti bene come funzionano e cosa ti permettono di fare.

mSpy per monitorare un iPhone senza jailbreak

mSpy è uno dei programmi migliori per spiare un iPhone utilizzando un software di monitoraggio. Appartiene alla categoria dei “no jailbreak”, di riflesso condivide le caratteristiche che ti abbiamo elencato poco sopra.

Non richiede un OS jailbroken, ma necessita dell’attivazione del backup iCloud su quel device e della conoscenza dell’ID Apple e della password corrispondente.

Ciò vuol dire che l’interazione fisica col dispositivo da monitorare viene richiesta in una sola circostanza: ovvero quando il backup tramite iCloud è disattivato. Per il resto, non richiede alcuna installazione in loco né un programma di controllo in remoto. Questo perché i dati relativi allo smartphone potranno essere monitorati tramite un’interfaccia online.

Come funziona mSpy? Il concetto di fondo è molto semplice. Le informazioni provenienti da quel cellulare verranno caricate in automatico sul backup iCloud, e tu potrai avere accesso a questi dati. Potrai ad esempio controllare il registro delle chiamate, gli SMS inviati, la lista dei contatti, le attività su Internet e anche i messaggi mandati tramite le app come WhatsApp o Skype.

C’è un solo problema: o meglio, una limitazione che purtroppo abbassa un po’ la qualità del sistema. Questi dati non saranno in tempo reale, dunque i report di mSpy potrebbero non essere aggiornati alle ultime ore. Infine, per quanto concerne il prezzo, mSpy costa 29.99 dollari (ovvero quanto la versione jailbreak).

MobiStealth “no jailbreak”

MobiStealth è un servizio jailbreak che ha scelto di fare concorrenza a mSpy, proponendo dunque la propria versione di spionaggio per dispositivi no jailbroken. Si tratta di un software che condivide con mSpy quasi tutte le caratteristiche principali: dunque richiede l’attivazione del backup iCloud, e la conoscenza dell’ID Apple con relativa password.

Come spiare un iPhone con un software per jailbreak

I software no jailbreak sono delle alternative piuttosto utili, ideali per gli utenti che preferiscono evitare questa pratica. Di contro sono anche piuttosto incompleti, rispetto alle versioni che invece funzionano sugli iPhone jailbroken.

In questa sezione, dunque, ti parleremo dei programmi tradizionali che ti consentono di monitorare un dispositivo iOS: ovvero quelli che richiedono l’installazione fisica sul cellulare da spiare. I programmi più famosi sono Flexispy e le versioni originali di mSpy e di MobiStealth.

Sono tools molto diversi fra loro, in quanto posseggono delle caratteristiche uniche e specifiche. Ognuno di essi potrebbe rivelarsi perfetto per una certa esigenza, o meno efficace per altre. Ovviamente sono programmi a pagamento, ma ti offrono un servizio completo. Oltre all’installazione, spendendo un po’ di più potrai anche contare su un tutorial per fare il jailbreak. Cosa che ti faciliterà non poco la vita.

mSpy per iPhone: come funziona?

Anche in questo caso vale la pena di cominciare da mSpy per iPhone, stavolta per i dispositivi Apple jailbroken. Pur non trattandosi dell’app più completa, sicuramente è una di quelle che ti offre alcune delle opzioni più interessanti. Di fatto queste sono le medesime di sempre: mSpy ti permette di spiare l’attività del dispositivo sui social network e sulle app di messaggistica istantanea.

Inoltre, ti consente di impedire l’installazione di alcune app e di bloccare certi numeri telefonici. Possiede anche un sistema di alert per le email, e tanto altro ancora. Infine, possiede un pannello di controllo che potrai monitorare da remoto, così da avere coscienza di tutte le attività svolte sul device spiato.

Il prezzo è al di sotto delle medie di mercato: questo perché ti permette di accedere ad una versione Basic al costo di 29,99 dollari al mese (o 99,99 dollari all’anno).

La versione Premium, invece, ha un prezzo mensile di 69,99 dollari o uno annuale di 199,99 dollari. In ultima analisi, ti permette di ottenere un buon risultato anche se hai intenzione di contenere i costi. Naturalmente, per sfruttare al massimo il software, si consiglia di acquistare la versione Premium.

Flexispy per iPhone: le sue caratteristiche

Con Flexispy si compie un deciso passo in avanti nel campo dello smartphone spying. Ti diciamo questo per una valida ragione: si parla di un software più avanzato rispetto a mSpy, dotato di alcune caratteristiche uniche. Ad esempio, Flexispy ti permette di intercettare le chiamate e persino di violare le password di quel dispositivo. Anche in questo caso, però, ne esistono due versioni: la prima è la Premium, la seconda è la Extreme.

La versione Premium è in realtà quella più basica: ti permette di controllare molti elementi fra cui i messaggi di testo, le foto, i video, i movimenti registrati dal GPS del dispositivo e ovviamente il registro delle chiamate. Il prezzo è quasi identico alla versione avanzata di mSpy: 68 euro al mese o 149 euro all’anno.

Se vorrai ottenere un risultato unico, però, dovrai passare alla versione Extreme. Qui il pacchetto di tools a disposizione include la già citata intercettazione delle chiamate, il monitoraggio dei social media e dei messaggi inviati tramite le app di messaggistica istantanea. Fra le funzioni più incredibili, trovi la possibilità di attivare in remoto la fotocamera e persino il microfono.

Una menzione speciale va fatta per la funzione “Live Spy Call”: ovvero quella che ti permette di ascoltare in tempo reale una telefonata, e persino di registrarla se lo desideri.

Considera che nessuna app di mobile spying possiede al momento una funzionalità di questa tipologia. Infine, così come per mSpy, anche qui hai la possibilità di farti seguire durante la fase di jailbreak del dispositivo (spendendo una quota extra).

MobiStealth Regular per iOS

Se ti stai chiedendo ancora come spiare un iPhone utilizzando un software di monitoraggio, devi sapere che esiste una terza opzione molto utile. Sempre per quanto concerne lo spying di dispositivi jailbroken. L’abbiamo già citata prima, e adesso è il caso di approfondirla: parliamo nello specifico della versione Regular di MobiStealth per iPhone.

Non è al livello di mSpy né tanto meno di FlexiSpy, però negli ultimi tempi è stata aggiornata e quindi arricchita di nuove potenzialità. Cosa ti permette di fare questo software? Più o meno le stesse azioni previste dai piani basici delle due app già nominate. Il costo è alto: la versione Premium viene 99,99 o 149,99 dollari (mensili o annui). La versione Premium Plus, invece, costa rispettivamente 119,99 dollari o 179,99.

Quale software di spionaggio per iPhone scegliere?

Tutti e tre i software elencati oggi hanno diversi punti a favore: sono affidabili e condividono bene o male le stesse funzioni. Quale dei tre scegliere? Non esiste una risposta definitiva o oggettiva: tutto dipende dal tuo budget e dalle funzioni che ti interessano. Ad esempio, mSpy è ideale se vuoi contenere la spesa senza rinunciare ad ottime funzioni di monitoring.

FlexiSpy, invece, ti permette addirittura di controllare e registrare le chiamate in diretta, però ha un costo superiore. MobiStealth rappresenta una ottima via di mezzo fra i due.

Spiare un iPhone jailbroken o no jailbroken: conclusioni

Nella guida di oggi ti abbiamo spiegato come monitorare un iPhone con un software di spionaggio: a questo punto avrai già capito che questa operazione è possibile sia con i device jailbroken, sia con quelli no jailbroken. Considera, comunque, che le due versioni costano lo stesso prezzo. E che la scelta varia sempre in base alle funzioni che tu reputi più utili per il tuo caso. A questo punto vorremmo chiudere con una comparazione fra le due possibilità.

Nella fattispecie, ti consigliamo di provare sin da subito le versioni funzionanti con il jailbreak: a parità di prezzo, sono decisamente più complete e soddisfacenti. Nel caso non dovessi riuscire ad effettuare il jailbreak del dispositivo da spiare, potrai sempre ricorrere alle versioni alternative.

Naturalmente noi non ci riteniamo responsabili dell’eventuale scelta di procedere con il jailbreak. Pur trattandosi di una procedura oramai standard, è sempre il caso di rispettare la volontà della Apple. Inoltre, lo stesso spying andrebbe usato con cura, e solo quando te lo consente la legge: ad esempio per monitorare gli smartphone dei tuoi figli, e non per spiare la tua ragazza.

Infine, devi anche considerare questo: il jailbreak del dispositivo serve per installare tutte le app non riconosciute dalla Apple. Queste app di terze parti, però, dovranno essere compatibili con quella versione del sistema operativo: in caso contrario non funzioneranno.

Fortunatamente i software che ti abbiamo citato si aggiornano in continuazione, adattandosi alle nuove versioni di iOS. Tu dovrai dunque scaricare sempre le versioni aggiornate.